Martedì 29 novembre

I pericoli online per i bambini, il sondaggio di Kaspersky

I pericoli online per i bambini, il sondaggio di Kaspersky

Una panoramica sulla sicurezza online

Sono anni che si parla dei rischi presenti nel web per i bambini lasciati soli a navigare sulla rete. Di recente è uscito un sondaggio commissionato da Kaspersky, nota realtà di cyber security, che potrà fornirti un quadro sulla situazione che risulta piuttosto preoccupante. Infatti spesso i pericoli online vengono trattati con superficialità, sono sottovalutati e manca una reale conoscenza da parte dei genitori sugli strumenti di prevenzione. Grazie a questo sondaggio sarà possibile offrire un’immagine chiara di tutte le situazioni rischiose che possono presentarsi per un bambino lasciato solo con il suo smartphone o tablet, senza nessun tipo di limitazione o controllo.

I risultati della ricerca
Cosa mostrano i dati riguardo la sicurezza dei bambini

Kaspersky ha deciso di scegliere il centro Educazione Digitale per svolgere questo studio che prende in esame un campione di 1833 bambini, con un età compresa fra i 5 ed i 10 anni, che rappresentano il simbolo della ribattezzata generazione alpha. Ciò che emerge è sconcertante, infatti quasi la metà di questi minori afferma che non avrebbe problemi a pubblicare o condividere sul web alcuni dati personali e della famiglia come l’indirizzo del domicilio o il nome della propria scuola. Nonostante questi bambini avessero già ricevuto in passato delle indicazioni e degli ammonimenti sui pericoli di questi comportamenti, evidentemente non sono stati compresi nel modo adeguato. Ma il dato più grave in assoluto dallo studio è che molti bimbi dichiarano di aver ricevuto in linea delle proposte di gioco pericolose da parte di soggetti virtuali. Si tratta addirittura del 36% dei partecipanti al sondaggio e questo fatto rappresenta una vera minaccia per le famiglie. Ciò detto è necessario ponderare il dato e comprendere che la percezione di un bambino, può risultare diversa da quella di un adulto, ma tuttavia rimane una questione molto seria che non può essere messa a tacere. Tanto più se consideri che la rete e le interfacce virtuali sono considerata dalla maggioranza dei piccoli come dei compagni di gioco importanti, inoltre il 55% dei bambini tra 5 e 10 anni utilizza già uno smartphone, tablet o pc personale e un bambino su cinque può disporne anche più di due ore al giorno.

Migliori regole per la sicurezza online dei bambini
Come prevenire e tutelare i nostri figli dai pericoli del web

I risultati del sondaggio realizzato da Educazione Digitale offrono un quadro chiaro e allarmante. Appare sempre più evidente come l’educazione dei bambini debba essere anche incentrata sulla sicurezza e la protezione della loro navigazione online. La scuola in questo senso deve svolgere un ruolo primario e affiancarsi alle famiglie per fornire tutti gli strumenti necessari a scongiurare i pericoli della rete. Inoltre è importante dotarsi di sistemi di sicurezza e controllo virtuale, che potranno monitorare per te le attività bloccando l’accesso in caso di siti o situazioni anomale. In questo momento l’accesso al web da parte dei bambini cresce sempre di più, la loro protezione sarà quindi la prerogativa più importante per il prossimo futuro.

Vuoi saperne di più? Lasciaci i tuoi dati nel form qui sotto

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di marketing diretto
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di profilazione
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento per la comunicazione a terzi con finalità di marketing diretto

Educazione a corretti stili di vita: il progetto fruibile in forma digitale

DigitalMente: l’educazione digitale nelle scuole attraverso TikTok

Educazione digitale, la Generazione Z vuole saperne di più su privacy, sicurezza e fake news