Domenica 08 dicembre

Matrimonio annullato per la sposa bambina di 11 anni in Iran.


Un trucco appena accennato, un velo bianco a coprire dei folti capelli neri e accanto il futuro marito con una schiera di amici che inneggiano al fatidico “si”. Fino a questo punto il quadro dipinto è quello a cui si può assistere in un qualsiasi matrimonio. Solamente un dettaglio fa la differenza in tale quadro, che lo rende di fatto come un falso d’autore: l’età della sposa, appena 11 anni. Questo è quanto è avvenuto in Iran, che riporta alla ribalta la spinosa questione delle spose bambine. Stavolta però qualcosa è andata diversamente grazie a un video ripreso da uno dei presenti, finito in rete e come spesso accade diventato virale.

Il video del matrimonio

Nel filmato, che dura solamente un paio di minuti, si vede tutta la scena. Probabilmente tale video è stato postato con tutta la naturalezza a cui noi siamo abituati per un matrimonio “normale”, per condividerlo con gli amici. Le cose sono però andate diversamente, e il video ha cominciato a diffondersi rapidamente, facendo il giro del mondo. Come anticipato quindi, la viralità del video che ha indignato gli internauti questa volta ha cambiato i programmi di coloro che tale matrimonio lo avevano programmato.

A tal proposito è opportuno specificare anche l’età dello sposo, solamente 22 anni, a testimoniare che le responsabilità di un simile evento, probabilmente sono da ricercare anche altrove. Proprio per accertare queste responsabilità, davanti al giudice non comparirà solamente lo sposo, ma anche i genitori della bambina, il chierico che che ha celebrato il matrimonio e persino colui che ha ripreso l’evento immettendo il video sul web, denunciato dai parenti della sposa. Tutte le persone convocate a giudizio rischiano una pena che può andare da un minimo di sei mesi ad un massimo di sei anni.

L’intervento del Tribunale

Al momento, prima di procedere a giudizio, la cerimonia è stata annullata perché si è appurato come la bambina non fosse sufficientemente consapevole di ciò che stava accadendo. Le agenzie di stampa cercano, seppur velatamente, di sminuire la gravità della situazione, sostenendo che si trattasse di una cerimonia temporanea, condizione spiegata anche dal procuratore provinciale Hassan Negin Taji, una sorta di pre contratto che può durare fino a 99 anni, e che il matrimonio vero e proprio si sarebbe celebrato solamente fra sei anni. Si tratterebbe insomma di una sorta di periodo di conoscenza che li avrebbe condotti al matrimonio. Nonostante tali tentativi di sminuire però, è opportuno sottolineare che il problema delle spose bambine è invece molto sentito in Iran (e nel mondo) dalla popolazione civile.

Le leggi attuali difatti potrebbero definirsi, quantomeno agli occhi dell’occidente, come folli. Le donne difatti possono sposarsi dai 13 anni e gli uomini dai 15. In aggiunta a ciò, l’intervento di un tribunale potrebbe abbassare ulteriormente tali soglie. Per meglio comprendere la portata del fenomeno, basti pensare che dal 2013 al 2017 si sono sposate oltre 1.000 bambine sotto ai 10 anni, e oltre 190.000 sotto ai 14 anni. Nel 2018, alcuni membri del Parlamento Iraniano avevano presentato un disegno di legge che vietasse nel modo più totale il matrimonio per le minori di 13 anni e per i ragazzi al di sotto dei 16 anni, ma come prevedibile la proposta non è piaciuta alla parte più conservatrice (forse sarebbe opportuno dire retrograda) del Parlamento stesso. La motivazione del rifiuto? Maometto stesso sposò Aisha all’età di sei anni.

Richiedi informazioni

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di marketing diretto
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di profilazione
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento per la comunicazione a terzi con finalità di marketing diretto

Come organizzare raccolte fondi e donazioni su Facebook

Erogazioni liberali 2019: quali sono i limiti per quelle deducibili e detraibili?

ONLUS: Vediamo insieme quali sono i soggetti svantaggiati