Sabato 19 ottobre

Povertà, diamo ascolto alla voce dei bambini


La Fondazione “L’Albero della Vita” ha deciso di avviare una campagna, dedicata esclusivamente ai bambini, con un unico scopo: far prevalere i loro diritti, tramite le richieste, che provengono direttamente dalla loro stessa voce.
L’associazione è diretta da Oliviero Toscani, ed è stata denominata, a tale proposito “Papà ho fame” con l’intento di far passare un messaggio chiaro e diretto. Essa si rivolge a tutti bambini che ogni giorno si trovano immersi in situazioni di povertà, senza avere nessuna colpa.

Non tutti i bambini sono uguali. I più fortunati sono riusciti a rivendicare i loro diritti, tra cui, quello di godersi l’infanzia, cosa che sembra così scontata, e a tratti, retorica, eppure non lo è affatto.
Altri, invece, sono dovuti crescere più in fretta del previsto e hanno dovuto far fronte a dei problemi, che, in realtà non li riguardavano così da vicino.
In fondo, chiedevano solo di essere felici, di giocare e di mangiare, così come tutti gli altri, ma non tutti possono permetterselo.

E’ una situazione dilagante, soprattutto in Italia, al punto tale da definirla una vera e propria emergenza. Se si volesse quantificare in termini numerici, si parla di un bambino su otto, vittima di povertà, che corrisponde ad una cifra pari a circa 1,2 milioni. Si tratta di una somma non affatto trascurabile, che determina una vera e propria situazione allarmante.

La frase simbolo di questa campagna, è diventata virale, tramite i diversi mezzi di comunicazione. E’ apparsa in televisione, su internet e sui social network.

“Papà, papà, perché siamo poveri? Io ho fame”.

Una domanda, seguita da un’affermazione, che lascia tutti inermi e senza parole.
A parlare è la voce dell’innocenza, caratteristica principale presente in tutti i bambini, che li rende superiori a molti altri adulti. Nessuna malizia, nessuna accusa, emerge solo una richiesta di aiuto e l’esigenza di avere soddisfatti i bisogni naturali, propri di ogni essere umano. Tra questi, non rientrano soltanto quelli della fame o della sete, ma si celano tanti altri desideri, come quello di ricevere giustizia, tramite la predicazione dell’uguaglianza, cosa che non sempre accade.
Tutte le disparità di cui sono vittime, non fanno altro che segnarli nel profondo, ogni giorno di più.
In fondo, il fatto di non aver avuto la fortuna di godere di privilegi, rispetto ad altri, non fa di loro dei bambini e dei futuri adulti, peggiori.
Tutti hanno il diritto di viversi la loro infanzia, in maniera spensierata e gioiosa, senza accelerare i tempi. Purtroppo, nella maggior parte dei casi, questo non accade, perché essi vengono spinti ad affrontare delle situazioni molto più grandi di loro, anche in tenerissima età.

In quell’interrogativo, emerge tutto ciò che molti bambini provano e con cui sono costretti a confrontarsi, silenziosamente, ogni giorno.
Molto spesso, però, gli adulti si trovano in difficoltà, perché non è facile, trovare delle risposte, anzi, non lo è mai.

Come si potrebbe spiegare ad un bambino, le vere e profonde cause della situazione di povertà in cui vive una famiglia?

Uno degli obiettivi principali dell’associazione, è proprio questo: fornire un aiuto alle famiglie, che combattono ogni giorno, cercando di assicurare una vita più felice ai loro figli. Fargli capire che, non sono da sole, ma hanno l’appoggio, anche da chi, si trova lontano da contesti del genere.
Inoltre, favorisce la comunicazione, trasmettendo messaggi importanti contro la povertà dei minori, che possano sensibilizzare l’intera popolazione.
Quando a parlare, è un bambino, in tutta la sua naturalezza e spontaneità, nessuno rimane indifferente.
Egli deve essere un componente della società a tutti gli effetti, e come tale, deve essere rispettato, ascoltato e tutelato.

Richiedi informazioni

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di marketing diretto
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di profilazione
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento per la comunicazione a terzi con finalità di marketing diretto

ONLUS: Vediamo insieme quali sono i soggetti svantaggiati

Crescita economica in Africa, realtà e prospettive diverse per i vari stati

L’ascensore sociale nel Paese è bloccato