Domenica 08 dicembre

Ucraina: guasto a Zaporizhia e storia della centrale


L’Ucraina è una nazione che ha in sè diverse centrali nucleari, fra questa Zaporizhia è la più produttiva d’Europa.

Un nuovo guasto ha interrotto il funzionamento dell’impianto nucleare di Zaporizhia, in Ucraina. Dopo la segnalazione del malfunzionamento dato dallo spegnimento di uno dei reattori, le autoritá hanno optato per uno scollegamento dal sistema elettrico, affinchè non si incorresse in ulteriori problematiche da affrontare.
I livelli di guardia delle radiazioni attorno al sito sono stati rispettati, dopo il monitoraggio che è stato effettuato perché fossero controllati. Non si è verificato alcun danno, insomma, alle persone e all’ambiente circostante.

Costruzione e manutenzione del sito nucleare

Chi ha contribuito al livello materiale ed ingegneristico alla realizzazione delle centrali ucraine



Come per la maggior parte dei siti nucleari collocati in Ucraina, anche quello di Zaporizhia, é stato costruito con materiali sovietici e mediante compagnie a loro compatibili.
Fra i siti che sono stati istituiti dalla stessa matrice di origine russa, si ricorda anche Chernobyl, all’interno della quale tutti i sei reattori collocati, erano stati costruiti dai Sovietici. La prima costruzione in questo ambito risale al 1985, mentre l’ultimo nel 1996.

Valori di Zaporizhia

Quanta energia produce questa centrale e cosa significa al livello politico



Questa centrale ha una capacitá di generare energia pari a 5,700 MW, per questa ragione é la prima nel settore europeo. Essa copre il 50% della produzione di energia dell’intero Paese, coprendo, da sola, il 20% del fabbisogno nazionale.
Oltre a valori ad uso strettamente produttivo, questa centrale occupa un ruolo politico d’eccellenza, essendo un luogo di scontro fra esercito ucraino e separatisti. Nel maggio del 2014, la sua occupazione da parte del gruppo paramilitare ultranazionalista chiamato Settore Destro, fu bloccata dalla polizia prima che fosse realizzata, nei pressi dalla periferia della centrale.

Zaporizhia ha subito più guasti

Ci sono stati incidenti nucleari precedenti che sono stati arginati



Prima dell’attuale, nel dicembre 2014, ci fu un corto circuito che determinò lo spegnimento della centrale nucleare, con conseguenti sbalzi di tensione nelle città che da questa erano alimentate. Questa serie di alternanze energetiche ha poi creato una serie di complicanze all’interno della centrale, che, a detta degli esperti, sono state risolte di volta in volta.

Comunicazione e livelli di guardia

La storia non deve ripetersi: dopo Chernobyl qualcosa è cambiato



Dopo l’avvento di Chernobyl, sono molti i protocolli di sicurezza che vengono applicati in caso di malfunzionamento e lo spegnimento dei reattori è fra questi. I livelli di guardia per il controllo delle radiazioni eventualmente emanate sono piuttosto scrupolosi e con una celere tempistica.
Le diatribe momentanee fra Ucraina e Mosca, hanno portato alla decisione da parte della dirigenza ucraina di aprire la commercializzazione e la manutenzione dei sistemi nucleari anche oltreoceano, in particolar modo verso l’azienda Westinhouse, americana di origine ma proprietá del colosso giapponese Toshiba, esplicitamente per la fornitura del combustibile nucleare che alimenta l’intera centrale nucleare, andando a sostituire quello di fornitura russa che era stato usato fino a poco tempo prima.

Richiedi informazioni

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di marketing diretto
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di profilazione
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento per la comunicazione a terzi con finalità di marketing diretto

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili: metodo per salvaguardare il clima

Innovazione e sviluppo. Il mercato del fotovoltaico si evolve e si rilancia

Calcolare gli impatti di soluzioni rivolte al risparmio energetico: è possibile?