Sabato 19 ottobre

Wi-Fi 6: l’inizio di una nuova era


Wi-Fi Alliance ha presentato il nuovo programma di certificazione con proprietà e funzioni ideate per offrire prestazioni di rete più efficienti in aree affollate.

Era nell’aria da qualche tempo, ma ora l’annuncio ufficiale è arrivato: Wi-Fi Alliance, organizzazione internazionale nata nel 1999 e costituita da molte società esperte nel settore con l’obiettivo primario di creare uno standard per la banda larga senza fili da adottare nel mondo, ha lanciato l’innovativo Wi-Fi 6, segnando così l’inizio di una nuova era. Ne eri già a conoscenza?

Come annunciato in conferenza stampa e con altri contributi rilasciati sul web dalla stessa Wi-Fi Alliance nei giorni scorsi, lo standard Wi-Fi 6 è stato ideato per offrire e garantire miglioramenti importanti e tangibili in termini di prestazioni e latenza in ambienti molto affollati, dove la trasmissione dati ha rappresentato fino ad ora, molte volte, un problema vista la presenza di tanti dispositivi, principalmente smartphone e tablet, connessi contemporaneamente.

Starai pensando a stadi, aeroporti, stazione ferroviarie, centri commerciali: si esatto, la sperimentazione dell’organizzazione ha preso in esame proprio questi luoghi e ambienti dove l’eventualità che ci siano tantissimi dispositivi connessi è più una certezza che una probabilità. Sei d’accordo?

Ti starai chiedendo cosa varia tra il Wi-Fi 5 e il Wi-Fi 6 appena lanciato. Divisione multipla di frequenza ortogonale, trasmissione beamforming, incremento della larghezza di banda e protocolli di sicurezza avanzati sono solo alcune delle caratteristiche avanzate e di ultima generazione che differenziano Wi-Fi 6 dalla versione 5 e quelle immediatamente precedenti e lo rendono un progetto unico nel suo genere e rivoluzionario, in grado di determinare un miglioramento nella vita quotidiana degli esseri umani.

D’ora in poi, tutti i nuovi smartphone e device che verranno immessi sul mercato dovranno avere tale riconoscimento per dimostrarsi al passo con i tempi e in linea con quelle che sono le nuove tendente della telecomunicazione internazionale.

La certificazione ufficiale per il nuovo standard al momento è arrivata solo per il Galaxy Note 10 di Samsung, ma, nonostante non posseggano la certificazione, anche l’iPhone 11 e 11 Pro di Apple, da poco messi in distribuzione, supportano entrambi il Wi-Fi 6.

Wi-Fi 6: principali caratteristiche

Di seguito trovi l’elenco delle principali caratteristiche di Wi-Fi 6, un piccolo schema che ne riassume le sue peculiarità più importanti e differenzainti rispetto alle versioni precedenti:

  • Wi-Fi 802.11ax;
  • Protocollo di sicurezza Wi-Fi Wpa3;
  • Canali a 160 MHz per potenziare l’ampiezza della rete e ridurne la latenza in luoghi affollati (stadi, aeroporti, stazioni ferroviarie, fiere), sia in downlink che uplink, ovvero verso e da un dispositivo che in preciso istante tenta la trasmissione dati;
  • Divisione multipla di frequenza ortogonale;
  • Multi-user multiple input multiple output (Mu-Mimo);
  • Codifica di un maggior numero di dati nello stesso spettro;
  • Miglioramento della batteria dei dispositivi Wi-Fi.

Conclusione

Se sei interessato ad approfondire l’argomento, sul sito internet della Wi-Fi Alliance (https://www.wi-fi.org) puoi trovare ulteriori informazioni sul nuovo programma di certificazione Wi-Fi 6 e conoscere l’elenco completo dei dispositivi elettronici a cui è già stato assegnato tale riconoscimento.

Richiedi informazioni

Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di marketing diretto
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento con finalità di profilazione
Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai fini del trattamento per la comunicazione a terzi con finalità di marketing diretto

Telefonia mobile: le tariffe Italiane fra le più vantaggiose d’Europa

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili: metodo per salvaguardare il clima

Crescono del 24% gli immobili all’asta